Ricettacolo

Ricettacolo è il contenitore dei peccati. È come una padella in cui gettare ogni ingrediente vizioso per costruire una ricetta sotto forma di racconto.

Le zrazi de Pierre Romanov et Marie-Antoinette

La Comtesse a organisé une fête costumée avec le thème: Versailles. Elle promet la recette de zrazi à un invité. Qui est derrière la masque de Pierre Romanov?

Le bœuf du diplomate

Sappiamo solo che Ambrojo era geloso come non mai di questo diplomatico dalle braccia nerborute… La Comtesse dice che è il miglior manzo che abbia mai mangiato in vita sua. Le crediamo, e via alla DivineRecette!

A se stessa – Risotto ai carciofi

La donna manager che vince sull’uomo non è un tema nuovo nella società degli ultimi anni. In questo racconto ricetta, la donna brinda a se stessa e intende la gola come una coccola, qualcosa di intimo e lì, immobile nel tempo e nello spazio, da dedicarsi nel silenzio della propria – felice – solitudine. Serena Piantoni si aggiudica il quarto posto al concorso Ricettacolo – La Superbia.

Tagliolini al rosso dell’amor proprio

Chef che padroneggiano in tv molto più che in cucina, infleuncer di Intagram e rivalità tra celebrità formato-clic fanno di questo racconto ricetta un attuale cliché che stentiamo a sfatare. Intanto la ricetta, nella contesa tra una superbia e l’altra, ci fa prendere appunti sul nostro taccuino di cuochi del focolare domestico, e non è niente male… Salvatore Improta si aggiudica il terzo posto al concorso Ricettacolo – La Superbia.

Superbatelle regali

Con andamento in versi e giochi di calembour, Flavio Tamiro ci propone la ricetta di queste Superbatelle regali, che ti vien voglia di prepararla già stasera. Ma chiama anche in causa molti altri ingredienti, come a dire che la Gola è tutto fuorché avarizia.

Dei siamo

È la superbia il vero dono divino, ed è la superbia che fa di un piatto un nettare. La ricetta siciliana della pasta c’anciova e ca’muddica è il climax di questo racconto dallo stile impeccabile. Vincenzo Cammarata, con Dei siamo, vince il settimo concorso Ricettacolo.

Fame di riso, fame di lui

Una lussuria tutta femminile, dal momento che l’uomo viene chiamato predatore e monello solo perché ha raccolto la sfida lanciata sfacciatamente dalla donna, e una ricetta del risotto al radicchio: i veri ingredienti del racconto vincitore di Ricettacolo – La Lussuria, di Carlotta Moscardi.

Il volto dell’ira

Un’ira che ci consola, che fa riflettere, ci viene regalata da una favola che cela la ricetta di una torta al cioccolato dal cuore morbido. Ma cela anche il rapporto di fiducia e pazienza tra madre e figlia, così come l’accettazione della propria personalità al cospetto delle ingiustizie del mondo, in un quadro denso di messaggi. Carlotta Moscardi si aggiudica il quarto posto al concorso Ricettacolo – L’ira.

La moglie

Quando leggiamo che una barista è una psicologa col mal di piedi ci viene voglia di premiarla immediatamente. E barista, la protagonista di questo racconto, lo è per davvero, lo è nell’anima. Lo è per quel mojito che ti fa venire voglia di berne uno subito, per il ritmo delle parole che – forse non se ne accorge – ti fa già ballare, per l’alterigia celata dalla diplomazia. È regina del suo micromondo e non deve chiedere a nessuno il permesso di essere rabbiosa. Francesca Lesen con La moglie ottiene il terzo posto alla quinta tappa della maratona Ricettacolo.

Ada

L’ira di una donna può essere sadismo vero, ma mai volgare, mai troppo stucchevole. Conserva sempre un innato aplomb, una maestria nel manipolare, ed è sul più bello che esce: quando l’uomo ne sottovaluta le capacità. La faraona alla Ada ne è un esempio. Cinzia Sosio con Ada si aggiudica il secondo posto al concorso Ricettacolo – L’ira.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.