Le storie superbe

Seven vi dà appuntamento per raccontarvi una storia viziosa in racconti irriverenti, opera dei nostri illustri ospiti.

Ancora in colpa

Nausicaa Baldasso racconta un incubo. Fatto di sequenze apparentemente illogiche, in una lettura per nodi, come la mente quando compie associazioni di idee. La colpa è il fil rouge che non si spezza, che rimane morbido o teso, denso o sottilissimo.

Suona che ti passa

Sembra una pagina di diario, e come ogni pagina di diario segreto, c’è dentro un po’ del bambino dimenticato. I temi però sono forti: l’arte, la solitudine, l’amore, l’omosessualità. La società distratta. La benevolenza verso il mondo. Nausicaa Baldasso si cimenta anche nelle StorieSuperbe.

Io sono Kasahara May

La StoriaSuperba di Debora Borgognoni è una riflessione sulla lettura. Il racconto “Io sono Kasahara May” ha partecipato al concorso letterario Nei panni di un altro indetto dalla rivista culturale Inchiostro dell’Università di Pavia, vincendo la menzione speciale.

Sete (seconda parte)

Chi è il protagonista di questa storia? Sappiamo solo che è una storia di ordinaria infelicità, di ordinaria solitudine e che Chiara Menardo ha concesso ad essa la dignità emotiva, così come l’ha concessa all’uomo che si fa chiamare Ulisse.

Sete (prima parte)

“C’è polvere lungo la strada. Polvere gialla e grigia, sottile come farina che balla nell’aria e si attacca alla pelle, si nasconde tra i capelli, si insinua tra i denti”. Inizia così il racconto di Chiara Menardo, e ci porta lungo un percorso emotivo e umano dalla presa spesso scivolosa e, come sempre, irresistibile. Chi è il protagonista? è la prima domanda che ci poniamo.

Lachesi – puntata II

«Morirò stretta in milioni di destini non miei senza aggiustarne nessuno». Chiara Menardo si chiede cosa sia Destino, il significato di quella morsa che ci comprime quando vaghiamo nell’universo storpio della nostra incertezza, della piccolezza di esseri umani. In un racconto dall’andamento isterico, dalla scoperta incessante, la seconda puntata di quel destino, Lachesi, ci svela un punto di vista incredibilmente intimo.

Lachesi – puntata I

«Lo sai? Destino ha un senso dell’umorismo bizzarro». Destino: ne parla come fosse il vecchio amico bislacco delle serate a bicchieri di rosso in osteria”. Ricominciano i racconti a puntate delle StorieSuperbe. Lachesi, di Chiara Menardo, è un racconto in due puntate.

Operazione plenilunio – V

«Lo sconosciuto ora era in piena luce, sotto la luce al neon. L’ospite è sempre il commensale più importante. Come d’uso, spezzò il pane e fece le parti. I due si guardarono come se volessero comunicarsi qualcosa di sconvolgente, e nessuno osasse farlo per primo». Un viandante misterioso, una madre di nome Mariam, comparse da ars dramatica e un fil rouge che prosegue dalla prima riga della prima puntata. Cos’è l’operazione plenilunio? Con Gianfranco Monaca concludiamo le domeniche di ottobre per le StorieSuperbe.

Operazione plenilunio – IV

Si sta delineando il vero intento di Gianfranco Monaca, il vero profilo dei protagonisti. Jeoshua è stato arrestato, la scena è vagamente familiare, e sempre di forte presa seppure con quello stile asciutto – dai pochi orpelli e il grande significato – che contraddistingue la penna di Monaca.

Operazione plenilunio – III

«Sono tre le trappole in cui la gente onesta si fa catturare: la religione, la politica, il lavoro». La terza puntata di Operazione plenilunio di Gianfranco Monaca è come un sipario che sta per schiudersi. Chi troveremo sul palco?

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.