FrammentiAvari#2 – Cazembe

Il racconto vincitore di FrammentiAvari#2 – Oliviero Toscani

di Cristina Biolcati

Un mostro ripulito dal fango. Oppure che cosa? Quali cattiverie diranno ancora? La madre lo tiene per mano e fende la folla. Accanto a sé, il suo bimbo bellissimo.

Il portone della scuola spalanca le fauci. Sta per fagocitare entrambi, inglobarli nel sistema. La gente teme sempre quel che non conosce e condanna a una solitudine che è eterna. Nient’altro che eterocromia, vorrebbe gridare. Ma nessuno capirebbe. Come al solito, è Cazembe a sorprenderla. Sorride, perché lui ha fiducia nella ragazzina bionda che gli tende la mano.

«Wow! Come David Bowie!», sta dicendo rapita. E mentre si allontanano insieme, lo sguardo è una promessa. “Andrà tutto bene, mamma. I bambini non sono cattivi”.


VINCITRICE

Cristina Biolcati

TITOLO 

Cazembe


La motivazione della Giuria è la seguente:

È possibile raccontare la vita in settecento battute? Sì, ed è possibile anche farlo attraverso differenti punti di vista. Perché al centro ci sono gli occhi di Cazembe, uno azzurro e uno nero, in questa immagine lucida di un bambino che crede nel futuro. E di lato percepiamo gli occhi severi di una madre impaurita, sofferente, disillusa. Ma ce ne sono altri, di occhi: quelli che vedono la diversità come un valore aggiunto. In una coralità di sguardi che osservano da tante – e incredibilmente vive – direzioni, l’amicizia viene rappresentata come un punto fermo, pur senza cadere nell’ovvio.


 Biografia dell’Autore in un Tweet:

Ferrarese ma padovana d’adozione. Ama molto leggere ed è autrice di poesie e racconti brevi.


Debora Borgognoni

Debora Borgognoni

Non si è ancora del tutto abituata a ossigeno e forza di gravità, ma non demorde. Morbosamente polemica, reagisce male agli sgrammaticati.

Leave a Comment

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.