FrammentiAvari#1 – Estasi

Il racconto vincitore di FrammentiAvari – Paul Cézanne

di Rita Stanzione

Quando Didier tornò sul lago, erano passati anni. Le code dei falchi, allora, passavano assordanti con gli aerei. Gli mancava la terra. Barcollava e nella febbre cieca sfilavano le sue donne mute. Élise, dal profilo cavallino e volitivo. Enriquette, col pallino dell’arte e un cappello nero. Sophie, con lunghi boccoli e labbra crespe. E quante altre, senza nome o traccia. Nessuna durava più di una stagione. Lui strappava lenzuola e correva fra gli alberi, fantasma pazzo di luce.

A “Villa Pace” il delirio scomparve, dopo la cura rigida e il filtro delle mura. Ora le sue amate erano lì, tutte insieme sbocciate. Rose nude sull’acqua, e un unico odore lo riempiva. Era più in alto di Dio.


VINCITRICE

Rita Stanzione

TITOLO 

Estasi


La motivazione della Giuria è la seguente:

Come può essere felice un uomo il cui nome è “desiderio”? Un artista, peraltro, di quelli che per la società sono dei folli, di quelli da sedare perché altrimenti escono dai confini, come i colori di un dipinto? In un racconto che cattura l’essenza delle Grandi bagnanti di Cézanne – ci sono l’arte, la bellezza femminile, la nudità, il rimando a una certa delicatezza francese – il titolo “estasi” rappresenta ciò che etimologicamente è: un’uscita dal sé, un giro di mondo, in cui è la donna a trasformare davvero il paesaggio, seppur dipinta, seppur immaginata.


 Biografia dell’Autore in un Tweet:

Rita Stanzione ha pubblicato più sillogi di poesie, le ultime nel 2017: “Canti di carta”, Fara Editore e “Di ogni sfumatura”, Editrice Urso.


Debora Borgognoni

Debora Borgognoni

Non si è ancora del tutto abituata a ossigeno e forza di gravità, ma non demorde. Morbosamente polemica, reagisce male agli sgrammaticati.

Leave a Comment

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.