FrammentiAvari#7 – Il segreto del vecchio marinaio

Il racconto vincitore di FrammentiAvari#7 – Tivadar Kosztka Csontváry

di Giovanni Casalegno

Sono il tempo.

Sono una ruota di sabbia: infiniti atomi scorrono e girano, tutti uguali e sempre diversi. Sono la sabbia che asciuga e tutto ricopre. Sono la sabbia che scava e consuma e tutto cancella. Tutte le cicatrici si sono chiuse, ma sono rimasti i segni, come solchi che custodiscono i semi dell’esperienza.

Le mie mani nascondono il mio ultimo segreto. Mi hanno appeso in questa locanda sferzata dal vento e bruciata dall’alcol per dirti, o giovane marinaio che stai per partire, che dovrai sempre guardare sia in alto per salutare le stelle, sia in basso e fare attenzione ai mostri nascosti.

Ma soprattutto, mio giovane amico, non uccidere mai un albatro.


VINCITORE

Giovanni Casalegno

TITOLO 

Il segreto del vecchio marinaio


La motivazione della Giuria è la seguente:

Il marinaio come un poeta, il vecchio come il mare: due accostamenti che ci sono suggeriti dall’andamento della prosa e da alcune parole chiave come “albatro”. Con un chiaro riferimento a Hemingway, e un più velato rimando a Baudelaire, il vecchio marinaio diventa un’icona, una specie di idolo a cui porgere le proprie preghiere prima di avventurarsi nelle acque spesso ostili. Così il dipinto, che ha già in sé una dicotomia, prende una forma sempre nuova, fino a diventare tempo, sabbia, ricordi ed esperienza.


 Biografia dell’Autore in un Tweet:

Docente di Lettere. Autore di due romanzi editi e due inediti. Co-autore di tre dizionari. Curatore di tre antologie di racconti.


Debora Borgognoni

Debora Borgognoni

Non si è ancora del tutto abituata a ossigeno e forza di gravità, ma non demorde. Morbosamente polemica, reagisce male agli sgrammaticati.

Leave a Comment

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.