L’Orange Whip di Burton Mercer

Perché la gola è anche un po’ Blues

John Candy, Burton Mercer, The Blues Brothers, frame del film, fonte YouTube

Quando uscì nel 1980 andando oltre il budget previsto, The Blues Brothers di John Landis, sembrava destinato a diventare sì un blockbuster ma non ai livelli raggiunti; e invece questa commedia musicale è entrata nella storia del cinema e rimane fresca e godibile anche ai giorni nostri nel suo essere un omaggio al blues e ad alcuni dei mostri sacri di questo genere. La storia dei due scapestrati musicisti, Jake “Joliet” Blues e Elwood Blues, rispettivamente John Belushi e Dan Aykroyd, che rimettono insieme il loro gruppo per salvare l’orfanotrofio, è l’occasione di inseguimenti e gag dove ci si fa beffe della polizia e pure dell’amore, con i due protagonisti che indossano sia di giorno che di notte i Ray-Ban Wayfare, modello di occhiali diventati di culto da quel momento. Jake se li toglierà una sola volta, per sedurre nuovamente scappare dalla ex-fidanzata, Carrie Fisher arrabbiata perché abbandonata sull’altare e desiderosa di vendetta con armi tutt’altro che convenzionali. Il gruppo The Blues Brothers era nato all’interno del Saturday Night Live, il programma di culto dove non solo Belushi e Aykroyd ma anche, per esempio John Candy, avevano ottenuto la ribalta in questo show fucina di talenti e nella storia della TV statuinetense. Proprio al personaggio di Candy. Burton Mercer, il capo del Distretto di Polizia di Chicago che si mette sulle tracce dei due fratelli, ci siamo ispirati per il cocktail  che vi propongo: l’Orange Whip. In realtà, all’iniziale bevanda a base di arancia brevettata con quel nome, si sostituì il cocktail, grazie a un’improvvisata scelta sul set: “Who wants an orange whip? Orange whip? Orange whip? Three orange whips”. Così la versione originale mentre in quella italiana l’ordinazione è di un’aranciata: “Volete un’aranciata? Un’aranciata, due aranciate, tre aranciate”. A vedere i bicchieri di carta il dubbio che fosse solo aranciata ci viene, trattandosi anche di poliziotti inservizio, ma il carattere non certamente “politically-correct” della pellicola ci può far pensare a una versione a gradazione elevata. Di certo l’Orange Whip trasse dal film una notorietà tale da divenire molto richiesto nei bar. Nel rivedere il film ci ha preso un po’ di malinconia, perché John Belushi, John Candy, Carrie Fisher, Ray Charles, James Brown e Cab Calloway non ci sono più. Un Orange Whip alla loro salute potrebbe essere però un modo per ricordarli.

Ingredienti per un Orange Whip:

  • 2,5 cl di vodka
  • 2,5 cl di Rum bianco
  • 7 cl di succo d’arancia
  • 5 cl di panna liquida

Procedimento:

Il cocktail si prepara molto velocemente: versa nel frullatore gli ingredienti. Una volta amalgamati fra loro versali in un bicchiere dove avrai messo qualche cubetto. Mescola e non dimenticare un buon disco di blues, magari in vinile.

 

 

Fabio Muzzio

Fabio Muzzio

Comunica per passione o per deformazione, professionista in fermento e dj ormai mancato. Ironicamente umanista, mediamente fatalista.

Leave a Comment

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.