Bartolini Espresso

Mi arrampico come i glicini
su queste pietre sconnesse.

Tutto odora di pietra.
Effetto scenografico
la fiaba continua
pure nei musei.

La cucina strizza un occhio
al locale e uno all’occidentale.
Hamburger medievali:
uno strabismo di Venere.

La luce markettara
di mezzogiorno
fa estasiare per le sedie
fuori dalla locanda panoramica,
e le ombre sotto di esse
si accumulano piano piano
come una muffa
di apparenza turistica,
veneziana.

Alla porta della gelateria
un tizio posato
guarda l’angolo morto
-meno turistico- della piazzetta.
Un altro scarica casse
da una Punto blu
che fa pendant con il rosso
del Bartolini Espresso
che è appena andato via
e mi faceva sentire
brutalmente più vero.

Anch’io non voglio
ma in fondo
appartengo al turismo.
Sarò sicuramente venuto
in qualche foto del giapponese
che inquadrava la chiesa
dietro la mia panchina.

Monteriggioni, 30 marzo ’18 (da “Paesaggi toscani”, 2019)

 

 

Francesco Balasso

Francesco Balasso

Spreme la lirica, sparge parole a coriandoli, amalgama le ombre del salotto, taglia l’aria alla julienne, aggiunge amori invisibili q.b.

Leave a Comment

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.