Difendi il fanciullino

Basta uccidere il fanciullino che è in ognuno di noi! Basta reprimerlo, sottovalutarlo! Dategli la possibilità di esprimersi in tutta la sua Bellezza, di emergere liberamente quando meno ve lo aspettate. Solo così vi sentirete veramente lontani da convenzioni e catene che impediscono alla vostra linfa vitale di fluire come vorrebbe.

In giro c’è troppa gente che costruisce ad arte atteggiamenti, situazioni, personaggi che si allontanano sempre più dal proprio io. Si dà troppa importanza al giudizio della gente e si dimentica sempre più di quello che si è. Si vuole a tutti i costi piacere e compiacere gli altri per soddisfare il proprio bisogno di accettazione che ci induce a compiere azioni o perseguire obiettivi che non ci appartengono e sono così estranei alla coerenza in quello che siamo.

Ci si ritrova a condurre esistenze vuote e aride, così prevedibili solo per paura di fare scelte, prendere decisioni, inseguire sogni e obiettivi difficili che necessitano di più tempo e pazienza. Cosa vogliono gli altri da me? Come mi vorrebbero?: domande del genere assillano la mente di chi non ha il coraggio di vivere davvero la propria esistenza. Eppure basterebbe ascoltarsi di più, capire quali sono le proprie esigenze, bisogni, desideri e lottare ogni giorno per perseguirli. Troppa gente si accontenta della propria vita. Diventa omologata e massificata perché ciò risulta più facile e meno doloroso.

La verità è che non si ha il coraggio di essere ciò che si è e non si ha più la forza necessaria per difendere i propri ideali e sogni. Ogni giorno si spara contro il fanciullino in nome di una falsa maturità o senso di responsabilità con le quali ci si ritrova giustificare l’avanzare verso un percorso piatto e arido che non ci riserva più emozioni, sorprese e sogni. In nome del dio denaro si stilano liste di giustificazioni, motivazioni. Eppure chi le ha chieste?

Ognuno dovrebbe condurre la propria esistenza in piena coerenza con i propri sogni e ideali. Gli altri piuttosto che giudicare e criticare dovrebbero imparare a comprendere. Comprendere non significa assolutamente condividere ciò che l’altro fa o non fa, ma è il primo passo per raggiungere un’apertura mentale basata sulla consapevolezza che non esiste una sola visione del mondo ma ce ne sono molteplici. Non esiste una giusta rispetto ad un’altra. Ne esistono infinite che possono convivere comprendendosi e rispettandosi a vicenda.

Il “Fanciullino” è dentro di noi. Ci accompagna nel corso della nostra esistenza mentre cresciamo. È proprio quando siamo adulti che lo lasciamo sopire in maniera errata. Eppure esso ci donerebbe tanta carica vitale, energia, grinta, entusiasmo. Il Fanciullino è la nostra parte più vera, spontanea, libera e creativa. È questa parte che si manifesta quando ci emozioniamo per un tramonto, per cose che all’apparenza sono semplici e frivole ma che in realtà hanno tanto valore.

Siamo in preda al fanciullino quando osserviamo davvero ciò che ci circonda con curiosità come se fosse la prima volta. Difendiamo il fanciullino che è in ognuno di noi quando siamo assaliti da un inedito batticuore che ci fa sentire vivi. Piuttosto che sparare al fanciullino che è in ognuno di noi, accogliamolo. Abbattete i pregiudizi, gli schemi mentali, le etichette con le quali giustificate i giorni aridi e vuoti!

 



Mary Empatika

Mary Empatika

Ribelle e sognatrice, in giro per il mondo scruta ciò che è non visibile con la sua valigia di sogni e un taccuino viola.

Leave a Comment

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.