Giacomino, il topino che voleva le ali – 1°puntata

Ai coraggiosi e ai generosi di tutte le età,
a tutti i bambini che inseguono i propri sogni,
a tutti gli amici che tali rimangono nel tempo.

 

C’era una volta, tanto tempo fa, un topino che viveva in campagna insieme alla mamma, al papà e a molti amici con i quali si ritrovava tutti i giorni per giocare e chiacchierare di tante cose.

Giacomino, questo era il suo nome, desiderava soprattutto una cosa: poter volare. Dal piccione Oreste si era fatto spiegare come disegnare nel cielo tutte quelle bellissime e ardite evoluzioni. Ma lui non aveva le ali – nessun topino in nessun posto al mondo le aveva – e senza di esse non poteva volare.

Un giorno, mamma e papà andarono a trattare l’acquisto di una partita di formaggini. Prima di partire gli raccomandarono di non allontanarsi dalla fattoria e, soprattutto, di non addentrarsi nella foresta.

«Giocherò nell’aia con i miei amici» promise Giacomino.

«Ancora questa storia del volo?» gli chiesero i compagni «Fattene una ragione, sei un topino e non hai le ali.»

Le galline, in aggiunta, gli fecero vedere che non solo servivano delle ali, ma anche che fossero ben sviluppate e adatte allo scopo, che le loro, ad esempio, non servivano a granché.

 

La seconda puntata è qui

Giovanni Odino

Giovanni Odino

Pilota di elicotteri in pensione, spigolatore errante in campi reali o immaginari della vita, dipinge e scrive storie, poesie, haiku e favole.

Leave a Comment

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.