Il pollo al Marsala di Tavin

Perché la gola è curiosità

Enterprise, episodio La fusione (fonte YouTube)

Enterprise, la quinta  serie TV ispirata alla saga ideata da Gene Roddenberry, propone diverse ricette. Il sintetizzatore offre cibo sequenziato ma una parte dell’astronave è dedicata alla colture per avere prodotti freschi. E non solo, il cuoco è una presenza fondamentale anche per facilitare il contatto con le nuove razze o ammorbidire i rapporti con quelle già conosciute. Il Capitano Archer ama cenare con l’ufficiale scientifico T’Pol e il capo Ingegnere Charles Tucker III detto Trip, quest’ultimo uno dei più sensibili alla buona cucina e goloso, come abbiamo già visto, della cotoletta di pesce gatto. La serie l’ho presentata in modo più ampio proprio in occasione di quella ricetta per cui mi concentro maggiormente sull’episodio: l’esplorazione del mondo vulcaniano, che nel corso delle puntate evidenzierà molti più difetti che pregi, è davvero interessante (per utilizzare un’espressione cara al mitico Spock): non vale solo per T’Pol che appartiene all’equipaggio ma anche per gli altri che iniziano a relazionarsi con i terrestri da pari più che da controllori dei loro desideri di viaggiare nello spazio. Nell’episodio La fusione conosciamo alcuni vulcaniani caratterialmente molto differenti tra loro ma uniti dal rifiuto di quella logica che reprime i sentimenti e dediti alla fusione mentale; questa pratica di fondere la propria mente con gli altri può essere pericolosa e diventare persino violenta per la psiche sino a comportare la Sindrome di Pan Ar. Non vi aggiungo molti altri particolari lasciandovi scoprire (o riscoprire se l’avete già visto) le sfumature degli animi che si confrontano. Abituato a un Primo ufficiale che non va oltre al cibo vegetariano e all’acqua fredda,  Archer non può che rimanere sorpreso dalla richiesta di Tavin di assaggiare un piatto di carne: il pollo al marsala, tanto apprezzato dall’ospite che ne chiederà la ricetta. Il personaggio di Tavin è interpretato da Robert Pine, attore di lungo corso delle produzioni per il piccolo schermo e che aveva già interpretato l’Ambasciatore Liria in Star Trek – Voyager, ma per chi non lo avesse riconosciuto è il sergente Joseph Getraer della serieTv entrata nella storia con il titolo di Chips. E tra le altre cose è il padre di Chris Pine, attore emergente di Hollywood nonché il James T. Kirk del nuovo corso targato J.J. Abrams.

  • Sovracosce di pollo 4/6
  • Marsala 40 cl
  • Alloro 4 foglie
  • Timo due rametti
  • Farina
  • Scalogno
  • Olio E.V.O.
  • Sale e pepe

 

 

 

 

 

Procedimento

Enterprise, episodio La fusione (fonte YouTube)

Il pollo al Marsala è facile da preparare e molto gustoso in virtù dell’ingrediente caratterizzante dato questo vino liquoroso siciliano contraddistinto da una gradazione più elevata ottenuta dall’aggiunta di acquavite. Per quanto riguarda il pollo si può utilizzare quello intero, il petto oppure le sovracosce, che pare quello proposto dal cuoco nell’episodio diciassette andato in onda in Italia la prima volta l’8 febbraio 2004. Regolati sulla quantità di sovracosce in base alla loro grandezza e se lo proponi come secondo di un pranzo completo o come piatto unico. Prendi il pollo lavalo e asciugalo bene; fallo macerare per un paio d’ore nel Marsala con del timo e dell’alloro freschi. Trascorso il tempo di marinatura conserva il vino e preleva le tue parti di pollo e infarinale lasciandole riposare in un piatto di portata mentre ti dedicherai al soffritto. In una padella antiaderente versa l’olio e inizia a riscaldarlo. Fai soffriggere lo scalogno, se preferisci una cipolla più dolce, oppure utilizza una cipolla tradizionale. Quando incomincia a imbiondire rilasciando il profumo, abbassa la fiamma e disponi le sovracosce in modo da farle rosolare da tutti i lati con una fiamma media. Aggiusta di sale e pepe. Riprendi il Marsala della marinatura e versalo sul pollo per continuare la cottura. Cuoci il tutto a fuoco medio basso così da far evaporare il vino man mano e far rimanere morbida la carne. Il tuo piatto dovrebbe essere pronto in 30/40 minuti: verifica con una forchetta che il pollo sia ben cotto e cerca di mantenere un po’ del liquido di cottura che con il cucchiaio verserai sopra ogni porzione. Puoi accompagnare il piatto con verdure: potresti proporre fagiolini o crocchette di patate come nell’episodio, oppure broccoli o asparagi insaporiti in padella con dell’aglio, passati nel burro o perché no al vapore.

 

 

Corso dedicato alla realizzazione di un Piano strategico di comunicazione

Fabio Muzzio

Fabio Muzzio

Comunica per passione o per deformazione, professionista in fermento e dj ormai mancato. Ironicamente umanista, mediamente fatalista.

Leave a Comment

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.