La colazione di Gus Lobel

Di nuovo in gioco, 2012, Robert Lorenz (fonte YouTube)

Perché la gola è anche un po’ tornare in gioco

Clint Eastwood nel 2012 lascia la macchina da presa a Robert Lorenz e torna solo attore per Di nuovo in gioco. Il rapporto complicato tra padre e figlia, non sveliamo nulla per chi non lo avesse ancora visto, già affrontato in Million Dollar Baby, questa volta vive nel confronto tra Gus Lobel (Eastwood) e Mickey (interpretata da Amy Adams). Clint è un burbero talent scout del baseball alle prese non solo con la cecità ma con un glaucoma invalidante che tenta di nascondere; a questo si aggiunge l’età che avanza inesorabile e che si fa sentire pure nel lavoro. Un nuovo talento da valutare sarà il perno per una storia che si avvale della presenza di un veterano del grande schermo come John Goodman, nel ruolo di Pete Klein, l’amico di Gus. Il film non risulta tra i migliori dell’ultimo Clint, che ha toccato vette più alte con altre produzioni, ma per chi ama l’attore e regista di San Francisco finisce con l’apprezzarlo comunque, perché alla fine diventa anche una sorta di affetto nei suoi confronti. Curiosità: nel ruolo di Billy Clark c’è Scott Eastwood, uno dei due figli (l’altra è Kathryn) che Eastwood ha avuto da Jacelyn Ann Reeves. Da questa pellicola abbiamo estratto la ricetta di una pizza e lo abbiamo fatto per due particolarità: la prima è che gli ingredienti sono bacon canadese, acciughe e peperoncino, la seconda è che Gus la ordina per colazione alle 9 del mattino e che accompagna a una birra mentre si confronta con Pete sul ruolo della tecnologia al servizio del baseball.

Di nuovo in gioco, 2012, Robert Lorenz (fonte YouTube)

Ingredienti per due pizze:

  • 750 g Farina 00
  • 20 g Lievito di birra in panetto
  • 200 ml Acqua tiepida
  • 2 cucchiaini di Sale
  • 1 pizzico di Zucchero
  • 3 cucchiai di Olio EVO
  • 4 cucchiai di Salsa al pomodoro
  • 200 g Mozzarella
  • 100 g di Bacon canadese
  • 8 Acciughe sott’olio
  • Peperoncino in polvere
  • Sale

Procedimento:

Dopo una breve ricerca sul bacon, che si ottiene dalla lonza e se mantiene la pancetta si chiama Back bacon, sappiamo che può essere o meno affumicato. In quest’ultimo caso negli U.S.A. prende il nome di Canadian bacon. E così ho trovato interessante proporti questa alternativa alle diverse pizze che si possono creare, senza entrare in polemica con la meravigliosa versione tradizionale.

Setaccia la farina mentre la versi direttamente in una ciotola capiente. Aggiungi il sale e mescola velocemente con le mani. In un contenitore per liquidi con 200 ml di acqua tiepida fai sciogliere il lievito: aggiungi un pizzichino di zucchero e l’olio. Mescola con un cucchiaino. Unisci pian piano il liquido alla farina e comincia a impastare. Lavora il panetto per molto tempo, finché non sarà bello liscio. Dunque, comincia a lanciarlo nella ciotola per attivare il lievito. Lascia risposare nella ciotola coperta con pellicola ben aderente, al caldo, per mezza giornata.

Se hai un forno ideale per pizza, con pietra rotonda, accendilo su impostazione pizza e fai scaldare la pietra. Nel frattempo, taglia a dadini le mozzarelle e prepara la prima pizza. Con metà impasto, che dovrai rilavorare velocemente, fai un bel tondo e lascia alti i bordi. Versa un po’ di farina sulla palettona, adagiavi la base della pizza e versa due cucchiai di salsa, che dovrai spandere bene su tutto il tondo tranne che sui bordi alti. ricopri la parte rossa con i dadini di mozzarella, le quattro acciughe, metà delle fette di bacon, un po’ di peperoncino in polvere*, fai un leggero giro di sale con un giro leggero di olio. Inforna per cinque minuti, e ripeti l’operazione.

Se non hai un forno pizza, preparalo a 200°C. Irrora di olio la teglia del forno e ricoprila dell’impasto, sempre tenendo conto dei bordi più alti. Fai la stessa cosa con salsa, mozzarella, bacon, acciughe e peperoncino calcolandoli per due. Inforna per 30/35 minuti. Credo che eviterai di farci colazione ma crediamo che esclamerai come Gus al fattorino Danny: è un’opera d’arte!

* In alternativa potresti usare olio EVO aromatizzato al peperoncino oppure qualche peperoncino essicato.



Fabio Muzzio

Fabio Muzzio

Comunica per passione o per deformazione, professionista in fermento e dj ormai mancato. Ironicamente umanista, mediamente fatalista.

Leave a Comment

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.