La mantide

Dal concorso PoesieSuperbe#6 – Rosso come Lussuria
di Costantino Belmonte

Mi domando se la mantide si penta
quando divora ed ama:
se anche lei abbia un simbolo
sepolto nella traccia della sua memoria
e le impedisca il rimpianto dopo un pranzo d’amore.
Le mandibole smerigliano le labbra vive,
quando rivolgo ai fogli
la mia fame di te
un alone rosso
stinge in ogni vocabolo
con cui mi accoppio…
e in cui converge la lingua, con tutta se stessa.

Debora Borgognoni

Debora Borgognoni

Non si è ancora del tutto abituata a ossigeno e forza di gravità, ma non demorde. Morbosamente polemica, reagisce male agli sgrammaticati.

Leave a Comment

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.