Helicopter’s days. I Queen di Denis O’Regan.

ONO arte di Bologna propone a partire dal 12 dicembre e fino al 1 febbraio 2020, la mostra Helicopter’s days. I Queen di Denis O’Regan:  si potranno vedere 40 fotografie scelte tra quelle con cui O’Regan ha immortalato, per esempio, David Bowie, U2, Amy Whinehouse, Rolling Stones, Bob Marley ma soprattutto i Queen a cui è dedicata una sezione apposita.

Nato a Londra nel 1953, Denis O’Regan è stato un broker con da sempre la passione per la fotografia: a 11 anni, la madre lo aveva portato a vedere un concerto dei Beatles all’Hammersmith Odeon aggiungendo così anche la passione per la musica. All’inizio degli anni Settanta introdusse clandestinamente nello stesso luogo, una macchina per scattare foto sia a Paul McCartney che ai Queen. Ma fu solo dopo aver visto dal vivo i Led Zeppelin e David Bowie che O’Regan decise di lasciare il lavoro alla City per coltivare le sue grandi passioni diventando uno dei più importanti collaboratori della rivista NME.

L’incontro tra O’Regan e i Queen in concerto avviene nel dicembre 1973 quando la band suonava come gruppo di spalla di Mott the Hoople sempre all’Hammersmith Odeon di Londra. Il 9 agosto 1986 i Queen avevano raggiunto l’apice della loro fama diventando il più importante fenomeno socio-culturale del pianeta e, a grande richiesta, il gruppo fu costretto ad annunciare una data in più in all’interno del The Magic Tour, che era andato sold out immediatamente. Fu così che, al Knebworth Park a nord di Londra, suonarono per un pubblico di circa 115.000 persone.

Queen Knebworth 1986

A causa del grande traffico attorno al luogo del concerto, i Queen dovettero arrivare in elicottero. Per poter scattare le foto che sarebbero diventate tra le più famose della rock band britannica, Denis si recò in un aeroporto locale e la band affittò per lui un elicottero con pilota, in modo in modo che potesse scattare loro le foto mentre volavano da Londra. “Nella mia foto più importante dei Queen, i Queen non si vedono”, avrebbe detto più tardi: “ma questo è anche la testimonianza di quanto fossero diventati grandi. E l’elicottero parlava per loro”.

O’Regan, come fotografo ufficiale del tour, ha scattato foto sul palco e nel backstage in ogni città europea che hanno visitato durante quell’estate, incluse due serate allo stadio di Wembley a Londra, ognuna delle quali totalizzò 85.000 persone. Tra questi scatti uno dei più famosi è sicuramente il grandangolo di Freddie Mercury che indossa la sua famosa corona d’oro, un braccio alzato al cielo, e il suo mantello regale drappeggiato sulle spalle.

Prima dei Queen, O’Regan aveva lavorato in giro per il mondo con musicisti come David Bowie – in collaborazione con il quale ha anche realizzato il boxset in edizione limitata Ricochet: David Bowie 1983 – i Rolling Stones, Duran Duran e Spandau Ballet, oltre ad essere stato fotografo ufficiale di Live Aid. Grazie alla sua vasta collezione di fotografie musicali viene considerato uno più importanti fotografi del settore.

 

 

INFORMAZIONI

ONO arte

Helicopter’s days. I Queen di Denis O’Regan

dal 12 dicembre e fino al 1 febbraio 2020

via santa margherita, 10, Bologna

+ 39 051262465

Ingresso Libero

Il Piano strategico di comunicazione realizzato da Fabio Muzzio e dedicato a imprenditori, studenti di marketing e appassionati: per acquistare clicca qui sotto.

Redazione

Redazione

La redazione di SevenBlog: sette rubriche peccaminose e un unico progetto che si chiama cultura.

Leave a Comment

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.