Tag Archives:

aborto

Preferisco una terrazza

Il XIII Congresso Mondiale delle Famiglie di Verona appare un ritorno al Medioevo e all’oscurantismo dove la negazione di diritti che dovrebbero essere ormai assodati diventando la nuova piazza nazionale del buio illuminato dai roghi sui quali arroventare i soliti, quelli ritenuti diversi, negando parità e promuovendo, di fatto, discriminazione e razzismo.

Oggi e i filamenti di ieri

Il lungo percorso di emancipazione e conquiste da parte delle donne viene messo in discussione dai comportamenti della società civile, come evidenziano sondaggi, cartelloni pubblicitari e vulgata comune. Una ricostruzione storica che si aggancia all’attualità di Attilia Patri.

Sua Sanità

Se vi state chiedendo come si possono definire quei racconti in cui si parla di temi scottanti con ironia, e in cui si mettono in luce le contraddizioni, spesso tragiche, di una società, allora un aiutino ve lo diamo noi: CattiviConsigli. Questo venerdì il consiglio è: mai dubitare di Sua Sanità.

Isso, essa e ‘a Malamente

Attilia Patri prende spunto da Isso, Essa e ‘o Malamente e ci porta in un dibattito sempre vivo e controverso: la legge 194.

La dignità di un’esistenza

La scrittura di Nausicaa Baldasso richiama, forse inconsapevolmente per lei, quel realismo isterico proprio di autori come David Foster Wallace. È una costante cronaca, che supera l’autobiografia, che prende in esame la crudezza di un evento, la piattezza della società tutt’intorno.

Il nuovo Medioevo si veste di maglie

La Storia di oggi ci insegna che viviamo in un presente molto moderno all’apparenza, dove tutto, o quasi, sembra alla portata di tutti, sempre in apparenza, dove una scelta è una scelta autonoma, ancora in apparenza, ma dove in realtà c’è chi trama verso costrizioni, privazioni, condanne a prescindere, giudizi, bendaggi di morale e falsa morale che portano a inamovibilità, o meglio, più che ad assenza di movimento, ad un movimento passivo obbligato da pressione di forza maggiore: il Vento del Medioevo.

“La Tina” diventa Ministro

Il 29 luglio 1976 giura il primo Ministro donna della storia italiana: Tina Anselmi.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.