C’era una volta…

Cenerentola era vittima o carnefice? Chiara Menardo si intrufola nella fiaba e ci racconta la verità della sorrelastra Genoveffa. Continua

Deus meus, ex toto corde pænitet me ominium meorum peccatorum

Il DiarioXY ha un non so che di voyeurismo: una suora osserva qualcuno consumare un amplesso proprio sull’altare. Sarà la Monaca di Monza, Suor Gertrude? Quella donna cui è stata negata ogni forma libera di amore, tanto da compromettersi con lo “scellerato”. E sarà lui sull’altare con lei, a scandalizzare tanto gli occhi curiosi che recitano l’Atto di dolore ma non riescono a staccarsi? Come sempre, una situazione che rimanda all’attuale e perenne bigottismo, ma con la grazia della penna di Chiara Menardo. Continua

Fredrick Chilton

È «uno che Jack lo Squartatore scansati, sei un’educanda che in confronto salva i gattini dal sacco e dal fiume». Lui parla di Hannibal, di uno così, che ama e odia e teme. Questo è il suo DiarioXY, di Chiara Menardo.
Continua

Bertha Antonietta Manson, in Rochester

Goccia… goccia, legno, porta, goccia rossa sulla lingua, rossa calda rossa… goccia”. Da Jane Eyre a Bertha Manson, le due donne antitetiche, le due inconsapevoli rivali. Lo specchio di una società che non accettava i malati mentali e la legittimazione del crimine. Il tutto racchiuso nelle pagine di DiarioXY. Continua

Madonna Portinari

Quasi ironico, di certo blasfemo per i dantisti, il DiarioXY di Bice di Folco Portinari, in arte Beatrice, ci regala il lato disperatamente, prepotentemente umano di Dante Alighieri. E Madonna Portinari vive, imbarazzata, imprigionata in un sonetto e nello Stilnovo, derubata della sua semplicità, nella penna come sempre raffinata di Chiara Menardo. Continua

Lachesi – puntata II

«Morirò stretta in milioni di destini non miei senza aggiustarne nessuno». Chiara Menardo si chiede cosa sia Destino, il significato di quella morsa che ci comprime quando vaghiamo nell’universo storpio della nostra incertezza, della piccolezza di esseri umani. In un racconto dall’andamento isterico, dalla scoperta incessante, la seconda puntata di quel destino, Lachesi, ci svela un punto di vista incredibilmente intimo. Continua

Lachesi – puntata I

«Lo sai? Destino ha un senso dell’umorismo bizzarro». Destino: ne parla come fosse il vecchio amico bislacco delle serate a bicchieri di rosso in osteria”. Ricominciano i racconti a puntate delle StorieSuperbe. Lachesi, di Chiara Menardo, è un racconto in due puntate. Continua

Olio su tela

«Non ho un cuore, una profondità, muscoli o peli, io sono piatto: un olio su tela coperto di polvere e merda di uccelli. Pieno di crepe e ferite, con i bordi della giacca mangiati dai ratti». Nel mese del compleanno del grande e sempre attuale Oscar Wilde, Chiara Menardo scrive un diario del tutto inedito. Chi sarà l’autore? Continua

Lotte

«Werther è la follia ingenua del nulla è impossibile. È il volo profondo, il prato profumato di fiori di campo». E se fosse Charlotte – Lotte – a scrivere una lettera? Come comincerebbe? Quanta rabbia trattenuta c’è in quell’apposizione, “Cara”, prima di dichiarare il destinatario? Lotte, l’eroina romantica di Goethe, la vera protagonista ne “I dolori del giovane Werther”, rinasce nella penna di Chiara Menardo, non meno suggestiva, non meno commovente. E nel suo DiarioXY scrive: «Werther è il mio posto». Continua

1 9 10 11