Tag Archives:

olio di oliva

I chili dog per Jimmy Hoffa

Tratta da The Irishman di Martin Scorsese, la ricetta dei chili dog, che Frank porta a Jimmy sapendo che dopo il gelato sono la cosa che gli piace di più.

Le costolette alla Roger Mayfield Murtaugh

Tratta da Danni collaterali, secondo episodio della prima stagione di Lethal Weapon, la ricetta delle costolette di maiale che Roger Murtaugh prepara al partner di investigazione Martin Riggs.

Il civet di cinghiale di Un’ottima annata

Tratto da Un’ottima annata di Ridley Scott, la ricetta del civet di cinghiale.

La pasta alla Norma di Beba

Tratto dalla puntata Le tre carte de Il commissario Montalbano, la pasta alla Norma cucinata da Beba.

I tagliolini di nonna Anna

Tratto da Happy Family di Gabriele Salvatores, i tagliolini ai gamberi e funghi porcini cucinati da nonna Anna.

Pig cheeks della Ladra

La #RicettaColta è tratta dal libro Ladra, in originale Fingersmith, 2002, di Sarah Waters. E non ve la raccontiamo solo perché il romanzo è stato finalista al Booker Prize e da qui è stata tratta la miniserie televisiva Fingersmith. Ve la raccontiamo anche perché abbiamo un certo debole per le usanze dell’epoca vittoriana. Divines, direbbe la Comtesse.

Cattivi sentimenti tra melanzane

Non ci si aspetta che il procedimento di un piatto tipico sardo possa diventare il fantasmagorico resoconto di una fiaba che ha come protagonisti ortaggi (non ne abbiamo forse abbastanza di belle fanciulle, topi magici e cavalli bianchi?). Cattivi sentimenti tra melanzane di Davide Serci è il quarto vincitore della maratona Ricettacolo.

Le penne all’arrabbiata di Nico Giraldi

Il 3 marzo Tomas Milian aveva compiuto 84 anni e il 23 ne è stata annunciata la morte. La ricetta, tipica romana come il suo personaggio, il Commissario Nico Giraldi, sono le penne all’arrabbiata, ordinate in un ristorante cinese, luogo del delitto che dà il nome alla pellicola di Sergio Corbucci.

Passatelli con crema di ceci, speck e rosmarino

La cucina è passione e la passione è anche San Valentino ci dice il nostro Chef Massimo Borgognoni, che ama questa festa per tre motivi. Nel dirci quali sono, ci consiglia un primo piatto come sempre particolare.

La zuppa clementine di Katharine Hepburn

L’Ambassador Hotel si trovava al 3400 Wilshire Boulevard di Los Angeles ed era stato inaugurato il 1° gennaio del 1921. Qui risiede un night club: il Cocoanut Grove. Immaginatelo, fumoso, illuminato da luci colorate, colmo di flappers e venditrici di sigartte. Immaginate quei tavoli e le sedie imbottite su cui sono seduti i divi del cinema, i registi e i produttori. Il tutto sulle note di musica jazz. Ed ecco la ricetta scelta da Katherine Hepburn.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.