AVARIZIA

Rubriche di arte immediata, breve, laconica. Dall’aforisma – il genere letterario più avaro di parole – che diventa scatto fotografico – la summa di tutta la realtà che ci circonda -, al racconto breve – brevissimo – intenso, ispirato al Frammentismo.

Ritorno al parco

Un IncontroAvaro, poesia e immagine, di Diego Bello.

Con un click

Un Haiku di Manuela Capotombolo ispirato all’Urlo di Munch.

Frame

Poesia e foto per un frame. Di Rita Stanzione, un IncontroAvaro.

A volte

Un bellissimo IncontroAvaro di Francesco Balasso.

Senza soluzione di continuità

Un IncontroAvaro, poesia e foto di Diego Bello. Per una speranza di cambiamento.

Quanti d’amore

Nel mese della nascita dell’artista Joan Mirò (20 aprile 1893 – 25 dicembre 1983), Giovanni Odino lo omaggia con un FrammentoAvaro ispirato alla sua ballerina del 1925.

Da dove arriva

Nella Giornata mondiale per l’autismo, Rita Stanzione dedica una poesia che si unisce a un quadro tratto dalla mostra itinerante ‘L’arte risveglia l’anima’.

Chi ha paura

Notte stellata sul Rodano di Vincent van Gogh (30 March 1853 – 29 July 1890) e Chi ha paura della notte della Premiata Forneria Marconi si uniscono per il FrammentoAvaro Chi ha paura.

Giardino di marzo

Giardino di marzo diventa poesia e diventa scatto fotografico: li firma Rita Stanzione

Non esiste più un noi

Solitude au bord du lac del pittore francese Marcel Rieder (19 marzo 1862 – 30 marzo 1942) incontra Not as We di Alanis Morisette per l’Incontroavaro Non esiste più un noi.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.