Bisogno di autenticità

Ci si abitua molto presto alle persone, alle cose che ci appartengono e ci caratterizzano a tal punto da non riconoscerne più il valore e l’autenticità. Eppure ogni giorno dovremmo essere grati a tutto ciò che ci ha reso quello che siamo oggi, a tutto quello che abbiamo e che è frutto di sacrifici, impegno, amore e passione. Ogni giorno è la celebrazione autentica di ciò che rende la nostra vita bella e significativa e degna di essere vissuta anche e soprattutto quando le brutture, le invidie, la falsità ci coinvolgono e ci rendono vittime gratuite. Ma noi procediamo a testa alta difendendo l’autenticità col petto in fuori e con i leoni che ruggiscono nella nostra anima e ci ritroviamo ogni giorno più forti e coraggiosi di prima.

Tutti quanti abbiamo perso qualcosa dell’autenticità che ci contraddistingue. Ma lo abbiamo ritrovato nell’attimo in cui abbiamo deciso di rialzarci dopo una sconfitta, una caduta nell’abisso, una delusione o disillusione. Ogni volta che diciamo “no” alle angherie del sistema, alle sopraffazioni, ai giudizi gratuiti di gente che ha come obiettivo quello di ferirci. Siamo fatti di energia e tramite essa ci attiviamo, creiamo, agiamo ogni giorno. Le energie autentiche con le quali ci mobilitiamo attirano a noi eventi positivi o negativi. L’energia vitale è una forza creativa che dovremmo imparare a preservare dalla negatività e potenziare per migliorare ed evolverci. Solo così potremmo diventare ciò che vogliamo essere ossia degli esseri unici e speciali che vivono in spazi vitali e benefici e in coerenza con ciò che si è.

Purtroppo la realtà che ci circonda è piena di contraddizioni e incoerenze che anche noi contribuiamo a creare. Troppo odio, negatività, lamentele sono nemiche della nostra energia vitale. Non le permettono di fluire liberamente, di costruire qualcosa di memorabile e autentico per contagiare positività e vitalità  per l’intera umanità. È più facile cedere alla gabbia della falsità, scendere ai suoi biechi livelli piuttosto che impegnarsi, rimboccarsi le maniche per creare energia creativa e positiva, benefica e vitale. Ecco perché il mondo è pieno di haters, cinici e disillusi. Siamo noi che decidiamo di diventare come loro o piuttosto differenziarci per evolvere, sfuggire ai compromessi, liberarci delle “etichette” per brillare di luce pura e vera con la quale illuminare la realtà di qualcosa di inedito e meraviglioso.

Liberatevi dalle zavorre che opprimono l’anima e fate spazio alla meraviglia e alla fantasia con le quali costruire mondi vitali autentici degni di essere vissuti con passione e amore. Praticate l’arte del perdono soprattutto nei confronti di voi stessi. Imparate a fare pace con i vostri errori, mancanze e difetti piuttosto che puntare il dito contro gli altri senza conoscerli davvero e soprattutto senza provare a comprendere le loro scelte e percorsi esistenziali. Se non perdonate voi stessi come pretendete di analizzare gli altri e magari perdonarli quando vi sarà parso di aver subito un torto e una mancanza da parte loro.

 


Mary Empatika

Mary Empatika

Ribelle e sognatrice, in giro per il mondo scruta ciò che è non visibile con la sua valigia di sogni e un taccuino viola.

Leave a Comment

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.