Sillabari

Nel mese dell’anniversario della nascita di Goffredo Parise, lo ScattoAvaro di Debora Borgognoni, Black Youth, è ispirato ai Sillabari del 1984.

L’arte viva di Julian Schnabnel

L’arte viva di Julian Schnabel è il film evento diretto da Pappi Corsicato dedicato alla star del panorama artistico newyorkese. Per Spettacoli&Storie.

Io sono Kasahara May

La StoriaSuperba di Debora Borgognoni è una riflessione sulla lettura. Il racconto “Io sono Kasahara May” ha partecipato al concorso letterario Nei panni di un altro indetto dalla rivista culturale Inchiostro dell’Università di Pavia, vincendo la menzione speciale.

Al di qua del vetro

Chi si cela dietro una tastiera per giudicare chi non conosce, per insultare con ottuse verità chi non ha mai visto? Un vigliacco, direte voi. O forse solo un insicuro, un frustrato, un apatico. Uno che non ha più nulla da stringere, se non l’illusione di essere ascoltato un attimo, l’attimo di un post. Chiara Menardo scrive una lettera virtuale di un avatar che odia chi è più di lui.

Dal vangelo secondo Ana

La rete Pro Ana e quei suoi dogmi e diktat per riuscire a sopravvivere con una dieta da 500 calorie al giorno: Attilia Patri si addentra in un fenomeno che nel Web ha trovato una ulteriore diffusione ma che arriva da molto lontano.

V-J Day in Times Square

Il fotografo Alfred Eisenstaedt nasce il 6 dicembre 1898. Il suo bacio in Time Square è una celebre immagine, che a noi ha fatto pensare alle Poesie erotiche di Pablo Neruda.

La corsa è finita

Il 5 dicembre 1926 muore Claude Monet: la Gare de Saint-Lazare ha ispirato un frammento avaro sulle corsa che finisce.

Che Guevara. Tu y todos

A cinquant’anni dalla morte di Ernesto “Che” Guevara, alla Fabbrica del Vapore di Milano è in allestimento un percorso affascinante grazie a migliaia di documenti e materiali di archivio del centro studi Che Guevara a L’Avana, molti dei quali inediti.

Le date superbe di dicembre 2017

Per tutti i nostri Seveners le date superbe di dicembre 2017.

Desperate (?) housewife

La moglie americana della borghesia anni Cinquanta è quella che sa che c’è sempre l’altra. Il clima di maschilismo dove l’uomo – ancora – può dire: io non discuto di affari con una donna, è ben rappresentato dalla serie tv Mad Men. E ce la immaginiamo questa Desperate (o forse non troppo) Housewife nei panni di una Betty che serve limonata in giardino e fa finta, e sorride sembrando stupida.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.